luglio 20, 2017Numero di Telefono: 02 / 80294401Email: mbac-pm-lom@mailcert.beniculturali.it

Compiti Direttore Polo Museale

Home / Compiti Direttore Polo Museale

Il  Polo Museale Regionale della Lombardia ,

E’ un ufficio  di  livello  dirigenziale  non generale, e’ un’ articolazioni  periferica  della  Direzione  generale Musei. Assicura sul territorio l’espletamento del servizio pubblico di fruizione e di valorizzazione degli istituti e  dei  luoghi  della cultura in consegna allo Stato o  allo  Stato  comunque  affidati  in gestione,  ivi  inclusi  quelli  afferenti  agli  istituti   di   cui all’articolo 30, comma 2,  lettera  a),  e  comma  3,  provvedendo  a definire strategie e obiettivi comuni di valorizzazione, in  rapporto all’ambito territoriale di competenza,  e  promuovono  l’integrazione dei percorsi culturali di fruizione e, in raccordo con il  segretario regionale, dei  conseguenti  itinerari  turistico-culturali. A tali fini, il Direttore del polo museale regionale riunisce periodicamente in conferenza, con cadenza almeno mensile, anche in via telematica, i direttori dei Musei di cui all’articolo 35, insistenti nella regione, ivi inclusi quelli di livello dirigenziale di cui all’articolo 30, comma 3.

 Il Direttore del polo museale regionale, oltre ai compiti individuati ai sensi dell’articolo 17, comma 4-bis, lettera e), della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, e dell’articolo 4, commi 4 e 4-bis, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni, svolge, in particolare, le seguente funzioni:

  1. a) programma, indirizza, coordina e monitora tutte le attivita’ di gestione, valorizzazione, comunicazione e promozione del sistema museale nazionale nel territorio regionale;
  2. b) promuove la costituzione di un sistema museale regionale integrato, favorendo la creazione di poli museali comprendenti gli istituti e luoghi della cultura statali e quelli delle amministrazioni pubbliche presenti nel territorio di competenza, nonche’ di altri soggetti pubblici e privati;
  3. c) garantisce omogeneita’ di servizi e di standard qualitativi nell’intero sistema museale regionale;
  4. d) cura il progetto culturale di ciascun museo all’interno dell’intero sistema regionale, in collaborazione con il relativo direttore, in modo da garantire omogeneita’ e specificita’ di ogni museo, favorendo la loro funzione di luoghi vitali, inclusivi, capaci di promuovere lo sviluppo della cultura;
  5. e) fermo restando quanto previsto dall’articolo 35, comma 4, lettera c), stabilisce, nel rispetto delle linee guida di cui all’articolo 20, comma 2, lettera o), l’importo dei biglietti di ingresso unici, cumulativi e, previo accordo con i soggetti pubblici e privati interessati, integrati dei musei e dei luoghi della cultura di propria competenza, ivi inclusi quelli aperti al pubblico afferenti agli istituti di cui all’articolo 30, comma 2, lettera a), sentiti il Direttore generale Musei e i capi degli istituti, nonche’ i Direttori degli istituti e dei musei di cui all’articolo 30, comma 2, lettera a), e 3, interessati;
  6. f) stabilisce gli orari di apertura dei musei e dei luoghi della cultura di propria competenza, ivi inclusi quelli aperti al pubblico afferenti agli istituti di cui all’articolo 30, comma 2, lettera a), in modo da assicurare la piu’ ampia fruizione, nel rispetto delle linee guida di cui all’articolo 20, comma 2, lettera o), sentiti i rispettivi capi di istituto;
  7. g) assicura elevati standard qualitativi nella gestione e nella comunicazione, nell’innovazione didattica e tecnologica, favorendo la partecipazione attiva degli utenti e assicurando la massima accessibilita’;
  8. h) assicura la piena collaborazione con la Direzione generale Musei, il segretario regionale, i direttori dei musei aventi natura di ufficio dirigenziale e le Soprintendenze;
  9. i) opera in stretta connessione con gli uffici periferici del Ministero e gli enti territoriali e locali, anche al fine di incrementare la collezione museale con nuove acquisizioni, di organizzare mostre temporanee, e di promuovere attivita’ di catalogazione, studio, restauro, comunicazione, valorizzazione;
  10. l) autorizza il prestito dei beni culturali delle collezioni di propria competenza per mostre od esposizioni sul territorio nazionale o all’estero, ai sensi dell’articolo 48, comma 1, del Codice, anche nel rispetto degli accordi di cui all’articolo 20, comma 2, lettera b), sentite le Soprintendenze competenti e, per i prestiti all’estero, anche la Direzione generale Musei;
  11. m) autorizza, sentito il soprintendente di settore, le attivita’ di studio e di pubblicazione dei materiali esposti e/o conservati presso i musei del polo;
  12. n) dispone, previa istruttoria delle Soprintendenze di settore e sulla base delle linee guida elaborate dal Direttore generale Musei, l’affidamento diretto o in concessione delle attivita’ e dei servizi pubblici di valorizzazione di beni culturali, ai sensi dell’articolo 115 del Codice;
  13. o) promuove la definizione e la stipula, nel territorio di competenza, degli accordi di valorizzazione di cui all’articolo 112 del Codice, su base regionale o subregionale, in rapporto ad ambiti territoriali definiti, al fine di individuare strategie ed obiettivi comuni di valorizzazione, nonche’ per elaborare i conseguenti piani strategici di sviluppo culturale e i programmi, relativamente ai beni culturali di pertinenza pubblica, promuovendo altresi’ l’integrazione, nel processo di valorizzazione, delle infrastrutture e dei settori produttivi collegati; a tali fini definisce intese anche con i responsabili degli archivi di Stato e delle biblioteche statali aventi sede nel territorio regionale;
  14. p) elabora e stipula accordi con le altre amministrazioni statali eventualmente competenti, le Regioni, gli altri enti pubblici territoriali e i privati interessati, per regolare servizi strumentali comuni destinati alla fruizione e alla valorizzazione di beni culturali, anche mediante l’istituzione di forme consortili non imprenditoriali per la gestione di uffici comuni e tramite convenzioni con le associazioni culturali o di volontariato, dotate di adeguati requisiti, che abbiano per statuto finalita’ di promozione e diffusione della conoscenza dei beni culturali;
  15. q) approva, su proposta del segretario regionale, e trasmette alla Direzione generale Bilancio gli interventi da inserire nei programmi annuali e pluriennali e nei relativi piani di spesa;
  16. r) redige e aggiorna, sulla base delle indicazioni fornite della Direzione generale Musei, che acquisisce a tal fine il parere delle competenti Direzioni generali Archeologia e Belle arti e paesaggio, l’elenco degli istituti e dei luoghi della cultura affidati in consegna alla competenza dei Musei di cui all’articolo 35 del presente decreto;
  17. s) coadiuva la Direzione generale Bilancio e la Direzione generale Musei nel favorire l’erogazione di elargizioni liberali da parte dei privati a sostegno della cultura, anche attraverso apposite convenzioni con gli istituti e i luoghi della cultura e gli enti locali; a tal fine, promuove progetti di sensibilizzazione e specifiche campagne di raccolta fondi, anche attraverso le modalita’ di finanziamento collettivo;
  18. t) svolge attivita’ di ricerca, i cui risultati rende pubblici, anche in via telematica; propone alla Direzione generale Educazione e ricerca iniziative di divulgazione, educazione, formazione e ricerca legate alle collezioni di competenza; collabora altresi’ alle attivita’ formative coordinate e autorizzate dalla Direttore generale Educazione e ricerca, anche ospitando attivita’ di tirocinio previste da dette attivita’ e programmi formative;
  19. u) svolge le funzioni di stazione appaltante.
  20. I poli museali regionali, individuati con decreto ministeriale di natura non regolamentare adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 4-bis, lettera e), della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, e dell’articolo 4, commi 4 e 4-bis, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, sono non piu’ di 17 e operano in una o piu’ Regioni, ad esclusione delle Regioni Sicilia, Trentino-Alto Adige e Valle d’Aosta. Le funzioni di Direttore del Polo museale regionale possono essere attribuite anche ai Direttori degli istituti e musei di cui all’articolo 30, comma 3, con l’atto di conferimento dei relativi incarichi e senza alcun ulteriore emolumento accessorio.

Start typing and press Enter to search