novembre 22, 2017Numero di Telefono: 02 / 80294401Email: mbac-pm-lom@mailcert.beniculturali.it

“M’ILLUMINO DI MENO” DI CATERPILLAR

Home / “M’ILLUMINO DI MENO” DI CATERPILLAR

MIN m'illumino  di meno 2017

“M’ILLUMINO DI MENO” DI CATERPILLAR

Il MiBACT aderisce per la prima volta alla campagna M’illumino di meno promossa da Radio 2 – Caterpillar, giunta quest’anno alla tredicesima edizione.
La campagna, lanciata a livello nazionale dai microfoni di Rai Radio 2, invita a ridurre al minimo il consumo energetico, spegnendo il maggior numero di dispositivi elettrici non indispensabili. Il Polo Museale della Lombardia, aderisce all’iniziativa con alcuni Musei che oggi parteciperanno all’opera di sensibilizzazione al risparmio energetico

Per approfondire ecco l’elenco di chi ha aderito a “M’ILLUMINO DI MENO”

sono infatti oltre 60 i luoghi della cultura che abbasseranno o spegneranno parte della propria illuminazione dalle 19.00 e alle 19.15 di venerdì 24 febbraio. Ecco la lista dei luoghi interessati:
– La Soprintendenza Speciale di Pompei, che da agosto grazie agli interventi del Grande Progetto Pompei si è dotata di un nuovo sistema di illuminazione perimetrale a led capace di ridurre del 65% i consumi elettrici, spegnerà alternativamente in sequenza casuale per pochi secondi garantendo così i livelli minimi di sicurezza i 14 circuiti che compongono l’intero sistema, una delle infrastrutture cardine del processo che renderà Pompei il primo Smart Archeological Park (Smart@Pompei);
il Polo Museale della Lombardia con il Museo Archeologico Nazionale della Valle Camonica, Cividate Camuno, dove a partire dalle 18:00 con ingresso libero verranno spente le illuminazioni del percorso e esposte delle inedite lucerne a olio della civitas Camunnorum, mentre alla luce delle candele sarà possibile assistere all’esibizione dal vivo della pianista Elena Quaglia;
– il Polo Museale del Lazio con il Vittoriano di Roma, dove verranno spente le luci esterne al monumento;
– il Colosseo, con l’illuminazione esterna spenta;
– il Museo Nazionale Archeologico di Reggio Calabria, che abbasserà in maniera suggestiva l’illuminazione diffusa nella sala dei Bronzi di Riace concentrando la luce sulle due statue;
– la Galleria Nazionale di Arte Antica di Palazzo Barberini a Roma, che spegnerà l’illuminazione della facciata;
– il Polo Museale della Puglia, che spegnerà l’illuminazione esterna del Castello Svevo di Bari, del Castello Angioino di Copertino, del Castello Svevo di Trani e del Castello di Manfredonia sede del Museo Nazionale della Daunia;
– il Palazzo Reale di Genova, che spegnerà le luci delle facciate, dell’atrio e del cortile;
– il Parco Archeologico dell’Appia Antica con lo spegnimento della Villa dei Quintili;
– la Mole Vanvitelliana di Ancona, dove verrà spenta l’illuminazione esterna;
– il Palazzo Ducale di Urbino, sede della Galleria Nazionale delle Marche, spegnerà le luci della facciata;
– il Museo Tattile Statale Omero di Ancona, che spegnerà le luci della facciata;
il Polo Museale della Lombardia con la Rocca Scaligera di Sirmione, spegnerà l’illuminazione esterna
– i Musei Reali di Torino, che spegneranno l’illuminazione è esterna la Galleria Sabauda;
– la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, che spegnerà le luci della facciata;
– Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma, che spegnerà l’illuminazione della facciata;
– la Galleria Borghese di Roma, che spegnerà le luci esterne;
– il parco archeologico di Ostia Antica;
– Palazzo Pitti a Firenze, dove verrà spento l’impianto di illuminazione della facciata;
-il Palazzo Ducale di Mantova, che spegnerà le luci delle facciate;
– il Parco Archeologico dei Campi Flegrei con il parco archeologico di Cuma a Bacoli; il parco archeologico delle Terme Romane di Baia a Bacoli; l’Anfiteatro Flavio di Pozzuoli; il Castello Aragonese di Baia, sede del Museo Archeologico dei Campi Flegrei;
– il Parco Archeologico di Paestum spegnerà l’illuminazione intorno al tempio di Athena;
– il Polo Museale della Campania con lo spegnimento dell’illuminazione esterna del Museo Archeologico di Pontecagnano Faiano e dell’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua a Vetere;
– la Reggia di Caserta, che spegnerà l’illuminazione esterna del monumento;
– il Museo della Civiltà a Roma, che spegnerà la propria facciata e quella del Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma;
– il Polo Museale della Sardegna con lo spegnimento delle luci esterne dell’Altare Prenuragico di Monte d’Accoddi, dell’Antiquarium Turritanum, dell’area archeologica Su Nuraxi, della Basilica di San Saturnino e del Chiostro di San Domenico a Cagliari, del compendio garibaldino e del Museo Nazionale Giuseppe Garibaldi a Caprera, dell’ex regio museo archeologico e del Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, del Museo Archeologico Nazionale ‘Giorgio Asproni’ di Nuoro, della Pinacoteca Mus’A al Canopleno a Sassari, della Pinacoteca Nazionale e degli uffici di Porta Cristina a Cagliari e con il Museo Nazionale Archeologico ‘Giovanni Antonio Sanna’ che per l’occasione propone al pubblico una visita guidata, a partire dalle 18:00, con l’abbassamento delle luci e l’utilizzo di torce elettriche;
– Il Polo Museale del Veneto con il Museo Nazionale Concordiese di Portoguraro, che spegnerà la facciata, e il Museo Nazionale Atestino, che spegnerà anche l’illuminazione interna e inviterà i visitatori a illuminare il percorso con gli smartphone; – il Polo Museale della Basilicata, con lo spegnimento delle facciate del Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna di Palazzo Lanfranchi, del Museo Archeologico Nazionale Domenico Ridola e del Museo Archeologico Nazionale di Metaponto a Matera, il Museo Nazionale Archeologico della Siritide a Policoro, del Museo Archeologico Dino Adamesteanu di Palazzo Loffredo a Potenza, del Museo Archeologico Nazionale dell’Alta Val d’Agri e Grumento Nova, del Museo Archeologico Nazionale Massimo Pallottino a Melfi, del Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano e del Museo Archeologico Nazionale di Venosa;
– il Polo Museale del Piemonte, che spegnerà l’illuminazione esterna del Castello di Racconigi; del Castello di Serralunga d’Alba; del Forte di Gavi; della Villa della Regina a Torino; dell’Abbazia di Fruttaria a San Benigno Canavese; dell’Abbazia di Vezzolano a Albugnano.
– Il Museo Storico del Castello di Miramare e Parco a Trieste che spegnerà l’illuminazione esterna;
– Istituto Luce Cinecittà e Cinecittà Studios spegneranno l’illuminazione della storica facciata di via Tuscolana di 1055 e di parte dell’area antistante a Cinecittà Si Mostra;
– il Museo Archeologico Nazionale di Napoli;
– il Museo Duca di Martina;
– il Museo Archeologico Nazionale di Taranto.

Continua a leggere ……..

Start typing and press Enter to search