maggio 29, 2017Numero di Telefono: 02 / 80294401Email: mbac-pm-lom@mailcert.beniculturali.it

Mostra fotografica: Publio Virgilio Marone, GEORGICHE e Jorrit Tornquist, COLORE SEMPRE

Home / Mostra fotografica: Publio Virgilio Marone, GEORGICHE e Jorrit Tornquist, COLORE SEMPRE

Museo Archeologico Nazionale di Mantova

Il 7 ottobre alle h. 18 nel Museo Archeologico Nazionale di Mantova verranno inaugurate due mostre:

al primo piano la mostra fotografica Publio Virgilio Marone, GEORGICHE
curata da Ortensio Zecchino

al secondo piano la mostra di opere dell’artista austriaco Jorrit Tornquist, COLORE SEMPRE
curata da Giovanni Granzotto

Publio Virgilio Marone, GEORGICHE e Jorrit Tornquist, COLORE SEMPRE

Comunicato Stampa

Il 7 ottobre alle h. 18 nel Museo Archeologico Nazionale di Mantova verranno inaugurate due mostre:

al primo piano la mostra fotografica Publio Virgilio Marone, GEORGICHE
curata da Ortensio Zecchino

al secondo piano la mostra di opere dell’artista austriaco Jorrit Tornquist, COLORE SEMPRE
curata da Giovanni Granzotto

MANTOVA – “GEORGICHE” di ZACCHINO e “COLORE SEMPRE” di TORNQUIST SONO LE MOSTRE ALLESTITE AL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE
5 OTTOBRE 2016 / ONDCBA
le-georgichemantova_tornquist

7 OTTOBRE – 27 NOVEMBRE 2016

Dal bianco e nero ai colori sgargianti. Dalle fotografie bucoliche alle pennellate intrise di brillanti contrasti cromatici. Sono solo alcune delle caratteristiche delle mostre “Georgiche” e “Colore sempre”, allestite al Museo Archeologico Nazionale di Mantova (piazza Sordello, 27). Le due esposizioni saranno inaugurate venerdì 7 ottobre 2016, in occasione delle celebrazioni virgiliane di “Mantova capitale della cultura” e del mese di “Ottobre dedicato all’antica Mantua”. Alle ore 17.00 si terrà una “preview stampa”; seguirà alle ore 18.00 l’inaugurazione delle mostre, organizzate da “Il Cigno GG edizioni”.

le-georgiche-di-ortensio-zecchino Zecchino – “Georgiche” Zecchino_ulivo-di-kavousi
Al primo piano è stata allestita la mostra “Le Georgiche”: l’intero testo dell’opera di Publio Virgilio Marone, nella traduzione di Clemente Bondi, è illustrato con oltre sessanta fotografie in bianco e nero di Ortensio Zecchino. Le foto sono state scattate come sul crinale di due ere: sono del nostro tempo, ma hanno catturato immagini d’un passato in dissolvenza. Ripropongono, così, una realtà simile a quella cantata nell’opera virgiliana: l’aratura con i buoi, la durezza del lavoro impressa sui volti o sulle mani di contadine e contadini, gli zappatori, il granaio di legno, la stalla sormontata dal tavolato, gli animali della fattoria liberamente scorazzanti sull’aia, i cruenti combattimenti tra tori, che Virgilio riproporrà anche nell’Eneide, e tanto altro.

colore-sempre-al-museo-archeologico-nazionale-di-mantova colore-sempre-al-museo-archeologico-nazionale-di-mantova-1 colore-sempre-al-museo-archeologico-nazionale-di-mantova-2
colore-sempre-al-museo-archeologico-nazionale-di-mantova-6 colore-sempre-al-museo-archeologico-nazionale-di-mantova-7
Esplosione di tinte e sfumature, invece, al secondo piano, dove sarà inaugurata la mostra “Colore sempre”: quaranta le opere di Jorrit Tornquist, allestite con cura da Giovanni Granzotto. Provenienti da collezioni pubbliche e private, illumineranno la sala dell’ultimo piano del prestigioso palazzo: affascinato dal colore e dalla chimica che sottende la sua creazione e la sua esistenza, l’artista austriaco realizza manufatti che sono delle vere e proprie campiture di colore, che siano esse colonne o semplici tele. Un percorso lungo tutta la produzione del maestro tra colore e forma.

Rifessi, 2006, glicee su lucopont, cm. 200×200 colore-sempre-al-museo-archeologico-nazionale-di-mantova-5
colore-sempre-al-museo-archeologico-nazionale-di-mantova-3 senza-titolo-1964-acrilico-su-tela-110×110 colore-sempre-al-museo-archeologico-nazionale-di-mantova-4
Alla manifestazione interverranno Stefano L’Occaso, direttore del Polo Museale della Lombardia, Nicoletta Giordani, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Mantova, Lorenzo Zichichi, de “Il Cigno Galileo Galilei Edizioni”, Ortensio Zecchino, già Ministro dell’Università e della Ricerca, appassionato di fotografia, Giovanni Granzotto, curatore della mostra “Colore sempre” e l’artista Jorrit Tornquist.

Le collezioni del museo comprendono materiali neolitici, dell’età del bronzo, etruschi, veneti, celtici, romani, longobardi, goti, medievali e rinascimentali, tutti provenienti dal territorio mantovano. L’edificio è inscritto nel perimetro di Palazzo Ducale ed è situato in quello che fu il Mercato dei Bozzoli di Mantova.

Linea bianca

nicoletta-giordani
Nicoletta Giordani

“L’allestimento di queste due mostre – ha dichiarato Nicoletta Giordani – nasce dall’idea di valorizzare il Museo Archeologico con una offerta culturale diversificata. Si parte dal piano terra con l’allestimento di 100 reperti archeologici inediti: i rarissimi pezzi custoditi nel museo vanno dall’età augustea fino all’alto Medioevo (XI secolo). Il primo piano è dedicato alle Georgiche, con foto in chiave moderna ma in stretta continuità con l’idea di Mantua città romana. E, infine, un secondo piano dedicato all’arte contemporanea, alle figure astratte, al colore. Due mostre che completano l’offerta museale con allestimenti di carattere culturale che sono una assoluta novità per Mantova. È questo il nuovo modo di fare museologia: scopo dell’arte è riflettere sui problemi della società e lanciare un messaggio rasserenante di bellezza, con un linguaggio comprensibile a tutti e che soddisfi i gusti di tutti”.

Mantova, patria di Virgilio, corte dei Gonzaga che attirò geni della pittura e dell’architettura – Leon Battista Alberti, Andrea Mantegna, Giulio Romano – della letteratura e della musica – Torquato Tasso e Claudio Monteverdi – insieme a Sabbioneta patrimonio mondiale dell’umanità per l’Unesco, possiede una identità multiforme, frutto di una stratificazione culturale avvenuta nei secoli. Il luogo ideale per ospitare mostre di ampio respiro.
Linea bianca

lorenzo-zichichi
Lorenzo Zichichi

“Le due mostre, che saranno allestite nel museo archeologico di Mantova e ci rimarranno fino al 27 novembre – ha detto Zichichi – , sono state studiate appositamente per completare l’offerta culturale del museo. Per la prima volta tutto l’edificio museale, compresi il primo e secondo piano, sarà impiegato per ospitare opere d’arte: il museo sarà in grado di offrire al visitatore pezzi dell’archeologia mantovana, fotografie d’arte moderna, con gli scatti in bianco e nero del mondo rurale suggeriti dall’opera di Virgilio, e coloratissime tele d’arte contemporanea realizzate da Tornquist. Un connubio perfetto capace di soddisfare il palato di tutti coloro che amano il bello e la cultura”.

Linea bianca

stefano-loccaso

Stefano L’Occaso

“Una mostra – ha sottolineato Stefano L’Occaso – è dedicata all’illustrazione delle Georgiche di Virgilio, con fotografie in bianco e nero realizzate da uno studioso di chiara fama, Ortensio Zecchino. La tematica attiene prettamente al Museo, che oggi si focalizza sulla Mantua romana. L’ultimo piano vede invece le opere contemporanee dell’artista austriaco Jorrit Tornquist, un talento del colore. La mostra stessa ha proprio nel titolo la volontà di intervenire sempre nelle variazioni cromatiche. Tornquist ha appena esposto in Cile e in Argentina, in musei dedicati all’arte contemporanea. In Italia invece ha esposto anche nel Museo di Palazzo Reale a Genova, nel Museo Nazionale di Ravenna, nella Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia. Le contaminazioni con spazi impregnati della classicità e della nostra cultura quindi lo attraggono. Anzi, il contrasto tra l’antichità e la modernità del suo lavoro esalta l’artista e lo porta a prediligere il nostro Paese, proprio in virtù delle tante eredità con cui colloquiare. Sono quindi lieto e onorato – ha concluso – di poter aprire la nuova stagione espositiva del Museo Archeologico di Mantova, già parte integrante del magnifico complesso di Palazzo Ducale, con una mostra che proietta nel futuro la nostra straordinaria eredità culturale, dall’Antichità Romana ai Gonzaga”.

Entrambe le mostre saranno visitabili fino al 27 novembre 2016 negli orari di apertura del Museo senza costi aggiuntivi.

Comunicato stampa

Scarica invito
Scarica invito

scarica locandina1
scarica locandina2

Comunicato stampa

POLO MUSEALE REGIONALE DELLA LOMBARDIA
Museo Archeologico Nazionale di Mantova
Piazza Sordello, 27 – Mantova – Tel. 0376/320003 e fax 0376/318293
e-mail:museoarcheologico.mantova@beniculturali.it

Start typing and press Enter to search